La Rosa di Natale nella tradizione natalizia per colorare e addobbare la casa

Piante di Natale:
Pagina iniziale
Abete, albero di Natale
Agrifoglio
Ginepro
Rosa di Natale
Stella alpina
Stella di Natale
Vischio


ROSA DI NATALE


La rosa di Natale, conosciuta con il nome botanico di Elleboro, ha dei bellissimi fiori bianchi che rallegrano l'Inverno.
Sboccia in dicembre, sotto il manto nevoso, accontentandosi dei pochi raggi di sole che illuminano i boschi. Raggiunge il massimo della fioritura proprio nei giorni di Natale e gli ultimi fioriscono in Quaresima.
Per questa ragione si sono ispirate alla rosa di Natale numerose leggende cristiane, quasi tutte nordiche.

LE LEGGENDE DELLA ROSA DI NATALE


Si narra che mentre i Re Magi offrivano i loro preziosi doni nella stalla di Betlemme, una pastorella se ne stava piangente in disparte, addolorata per non avere neppure un fiore da offrire al Bambino. Così un angelo, che a quella vista si impietosì, mostrò alla piccola dei fiori candidi che erano appena sbocciati sotto la neve. Da allora questi fiori vennero chiamate anche Rose di Natale.
Un'altra leggenda tedesca, originaria di un villaggio dell'Alsazia, racconta che la piccola rosa senza spine fiorì improvvisamente nel momento in cui nacque Gesù Bambino.

COSA E' LA ROSA DI NATALE

La rosa di Natale, Helleborus, appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee e ha una trentina di specie. E' originaria del Caucaso e dell'Asia Minore.
In Europa cresce sulle Alpi calcaree, sugli Appennini della Serbia e dei Carpazi e si trova nelle zone boschive delle Alpi, dalla Carnia fino al Piemonte, sull'Appennino ligure, l'Appennino centrale e meridionale.
Una varietà, l'Helleboro argutifolius, cresce spontanea anche in Corsica, ed è notevole per la grandezza dei suoi fiori ma anche per il colore particolare dei fiori che sono verde mela.

Tra le numerose varietà di rosa di Natale la più nota specie italiana è l'Helleborus niger, che prende il nome dal colore del rizoma, è certamente la specie più conosciuta e apprezzata. La pianta ha le foglie coriacee, di colore verde scuro, porta pochi fiori, molto grandi e leggermente ripiegati, sono bianchi e in un secondo tempo tendono a diventare di color porporina. Ha una fioritura assai precoce che va da dicembre a marzo secondo la zona.
Alcune varietà si prestano bene ad essere coltivate, non solo nei giardini ma anche in vaso, nelle fioriere e nei contenitori sul terrazzo, purché sistemata in un luogo riparato dal pieno sole ed è una pianta ideale per ornare balconi, finestre e cortili. Tutte le specie si propagano facilmente da sole, i semi cadono e germinano in autunno e la primavera seguente si possono ripicchettare in vaso o mettere a dimora.
I fiori si prestano ottimamente ad essere recisi e messi in vaso e in acqua si mantengono freschi per lungo tempo.
Sono particolarmente indicati per la realizzazione di centrotavola natalizi.

UNA PIANTA ANTICA


La rosa di Natale in alcuni paesi viene chiamata anche Fiore di Sant'Agnese per il suo candore.
E' una pianta nota fin dai tempi più antichi. Dalla metà dell'800 fino ai primi decenni del 1900 ha costituito uno degli ornamenti principali dei giardini d'inverno, non solo nei Paesi nordici, ma anche in Italia.
In Inghilterra e in Germania viene ancora coltivata nei giardini, non più però come pianta da interni e non in tutte le numerose varietà che esistevano all'inizio del secolo.
Aveva tanto successo anche perché è di facile coltura, oltre che ha dei fiori molto belli, con foglie eleganti e durevoli.





Consiglia questo sito


Tutte le informazioni lette nel nostro sito devono essere considerate a solo scopo indicativo. piantedinatale @gmail.com